Lettera di un padre al proprio figlio   9 comments

Photobucket                                      SE UN GIORNO MI VEDRAI VECCHIO: SE MI SPORCO QUANDO MANGIO E NON RIESCO A

VESTIRMI….ABBI PAZIENZA.

                                                       RICORDA IL TEMPO CHE HO TRASCORSO AD INSEGNARTELO.

SE QUANDO PARLO CON TE RIPETO SEMPRE LA STESSE COSE….

NON MI INTERROMPERE….ASCOLTAMI.

       QUANDO ERI PICCOLO DOVEVO RACCONTARTI OGNI SERA LA STESSA STORIA FINCHE’ NON TI

ADDORMENTAVI.

QUANDO NON VOGLIO LAVARMI NON BIASIMARMI E NON FARMI VERGOGNARE.

                                       RICORDATI QUANDO DOVEVO CORRERTI DIETRO INVENTANDO DELLE SCUSE PERCHE’ NON VOLEVI

                                                                                                  FARE IL BAGNO.

                                           QUANDO VEDI LA MIA IGNORANZA DELLE NUOVE TECNOLOGIE, DAMMI IL TEMPO NECCESSARIO E

                                                                          NON GUARDARMI CON QUE SORRISETTO IRONICO

                                                                          HO AVUTO TUTTA LA PAZIENZA PER INSEGNARTI L’ABC

                                      QUANDO A UN CERTO PUNTO NON RIESCO A RICORDARE O PERDO IL FILO DEL DISCORSO…DAMMI IL

                                                              TEMPO NECCESSARIO PER RICORDARE SE NON CI RIESCO

                                                   NON TI INnERVORSIRE…LA COSA PIU’ IMPORTANTE NON E’ QUELLO CHE DICO

                                                                MA IL MIO BISOGNO DI ESSERE CON TE ED AVERTI LI’ CHE MI ASCOLTI.

                                               QUANDO LE MIE GAMBE STANCHE NON MI CONSENTONO DI TENERE IL TUO PASSO

                                                                                        NON TRATTARMI COME FOSSI UN PESO

                                   VIENI VERSO DI ME CON LE TUE MANI FORTI NELLO STESSO MODO CON CUI IO L’HO FATTO CON TE

                                                                                   QUANDO MUOVEVI I TUOI PRIMI PASSI

                                     QUANDO DICO CHE VORREI ESSERE MORTO…NON ARRABBIARTI UN GIORNO COMPRENDERAI. CHE

                                                                                            COSA MI SPINGE A DIRLO.

                                                          CERCA DI CAPIRE CHE ALLA MIA ETA’ NON SI VIVE SI SOPPRAVIVE.

                                       UN GIORNO SCOPRIRAI CHE NONOSTANTE I MIEI ERRORI HO SEMPRE VOLUTO IL MEGLIO PER TE E

                                                                                 CHE HO TENTATO DI SPIANARTI LA STRADA.

                                                                                         DAMMI UN PO’ DEL TUO TEMPO

                                                                                     DAMMI UN PO’ DELLA TUA PAZIENZA

 
                                                                     DAMMI UNA SPALLA SU’ CUI POGGIARE LA TESTA

                                                                                                     firmapennanera

 

 

 

Pubblicato 14 marzo 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Con sincera amicizia   11 comments

Photobucket

Pubblicato 11 marzo 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Filosofia di vita….   5 comments

Photobucket
Photobucket

Pubblicato 10 marzo 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Dal serio nuovamente al faceto!!   11 comments

mamma

Mamma, posso mettere la minigonna?

                                   -NO

         -Mamma, posso mettere le calze a rete?

                                   -NO!

                    -Mamma, mi posso truccare?

                    -Ti ho detto di nooo!

                    -Ma mamma, ho 18 anni!

                      

 

 

 

 

                                    tamaki_animated_gif_4_by_10ellex12

 

 

–PIANTALA

GIACOMO!!!!!

Pubblicato 9 marzo 2011 da Franky Libe in Senza categoria

La Psicologia mi ha sempre interessato oltre ad essere stata materia dei miei studi…   7 comments

serenitàinteriore                                                      Cosa si intende x serenità?

Serenità è termine con cui si descrive la condizione emotiva individuale caratterizzata, a livello

interiore ed esteriore, da tranquillità e calma non solo apparente, ma talmente profonda da non

essere soggetta, nell’immediato, a trasformazioni di umore, ad eccitazioni o perturbazioni tali da

modificare significativamente questo stato di pace.

La serenità è una componente rilevante nel costituire il benessere emotivo dell’uomo; secondo

alcune teorie essa è talmente rilevante da costituire la condizione necessaria e sufficiente per la

felicità dell’essere umano.—

                                     La serenità sotto il profilo psicologico —

La psicologia si occupa in tutte le fasi evolutive della serenità come stato di benessere della

psiche e quindi anche del corpo essendo la persona una unità psicofisica indissolubile.

Gia nell’infanzia si cerca di realizzare un percorso di vita senza ostacoli quindi senza turbanti

infatti il concetto di una infanzia serena e tranquilla è alla base di ogni pedagogia in quanto ogni

evento negativo prodotto nell’infanzia spesso si ripercuote sul comportamento dell’adulto.

Lo studio della serenità nell’ambiente psicologico viene effettuato essnzialmente sotto due profili:

Il primo vede la serenità come la necessità di eliminare, ogni stato di dolore, di afflizione di

ostacolo, di problema al fine di rendere piacevole il vivere quotidiano.

Questo tipo di studio lavora per cambiare il contesto ambientale al fine di migliorare le

interferenze dell’ambiente circostanete sulla persona. (psicologia analitica)

Il secondo vede la serenità come un modo (diverso) di accettare gli eventi negativi della vita che

sono comunque inesorabili e non si possono evitare.

Prepararsi ad accettare gli eventi nel bene e nel male poiché la vita è fatta dell’insieme del

bene e de male.(psicologia comportamentale)

firmaconpenna

Pubblicato 9 marzo 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Allegrìa ed ottimismo   6 comments

Essere allegri, solari, non significa che non si hanno problemi.

 Significa donare un sorriso a coloro che vedono grigio,

 un momento di allegria a coloro che stanno viaggiando in un mare tempestoso.

Donarsi agli altri per donare una parentesi di speranza ci da la forza interiore

 per combattere le nostre battaglie in maniera migliore, con serenità.

 Ma noi, internamente come stiamo?.

Magari male perchè non abbiamo accanto chi ci fa questo dono

ma di riflesso attingiamo la forza per andare avanti

ed affrontare i nostri problemi che essendo tali prima o poi avranno una soluzione.

Photobucket

Pubblicato 7 marzo 2011 da Franky Libe in Senza categoria

iN OCCASIONE DELLA “FESTA DELLE DONNE”UN PICCOLO PENSIERO X VOI CARE AMICHE.   9 comments

MIMOSAXNOMIFIRMAGIALLA

Pubblicato 7 marzo 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Passione e solitudine…   8 comments

                                                                                                                         Finirò per amarti,
                                                                                                                        mia dolce solitudine,
                                                                                                             ora mia unica compagna di vita
                                                                                                           doo lo svanire di profonde passioni.
                                                                                                                  Sei sempre al mio fianco,
                                                                                                               sincera, senza mai tradirmi:
                                                                                                     Mi accarezzi al chiudere degli occhi,
                                                                                                              un bacio al mio risveglio.
                                                                                                   Non scrivere più le note della musica
                                                                                         che la mia vita suona in duetto con la mia anima:
                                                                                                 hanno un triste ritmo, sempre uguale,
                                                                                             come un cuore che batte, prima di fermarsi.
                                                                                       Con il tuo dolce veleno, mia solitudine compagna,
                                                                                                                     mi uccidi, lentamente,
                                                                                                       una parte di me ogni giorno muore
                                                                                                          e con lei tutto il resto, lentamente.
                                                                                                                         Finirò per odiarti,
                                                                                                                         finirò per lasciarti,
                                                                                                                    a costo di rimanere solo,
                                                                                                  a costo di tornare a vivere e ad amare.
                                                                                                                                  (dal web) 

 

Photobucket

Pubblicato 6 marzo 2011 da Franky Libe in Senza categoria

“L’albero degli amici”   9 comments

L’ALBERO DEGLI AMICI
(traduzione di un testo portoghese)

Esistono
persone
nelle  nostre  vite
che ci rendono felici  per il semplice
caso
di aver incrociato il nostro cammino.
Alcuni percorrono il cammino
al nostro fianco, vedendo molte lune passare, 
gli altri
li vediamo  appena tra un passo e l’altro.
Tutti li chiamiamo amici e ce ne sono di molti tipi.
Talvolta  ciascuna foglia di un albero rappresenta uno dei nostri amici.
Il primo che nasce  è il nostro amico Papà e 
la nostra amica
Mamma,
che ci mostrano cosa è la vita. Dopo vengono gli amici Fratelli,
con i quali dividiamo il nostro spazio affinché possano fiorire come noi.
Conosciamo
tutta la famiglia delle foglie che rispettiamo e a cui auguriamo ogni bene.
Ma, il destino ci ha presentato agli altri amici, i quali non sapevamo avrebbero incrociato il nostro
cammino.
Molti di loro li chiamiamo amici dell’anima, del cuore. Sono sinceri, sono veri.
Sanno quando non stiamo bene, sanno cosa ci fa felici.
E alle volte uno di questi amici dell’anima si installa nel nostro cuore e allora lo chiamiamo
innamorato.
Egli dà luce ai nostri occhi, musica alle nostre labbra, salti ai nostri piedi.
Ma ci sono anche quegli amici di passaggio, talvolta una vacanza o un giorno o un’ora.
Essi collocano un sorriso nel nostro viso per tutto il tempo che stiamo con loro.
Non possiamo dimenticare gli amici distanti, quelli che stanno nelle punte dei rami e che quando il 
vento soffia appaiono sempre tra una foglia e l’altra.
Il tempo passa e l’estate se ne va, l’autunno si avvicina e perdiamo alcune delle nostre foglie, alcune 
nascono l’estate dopo, e altre permangono per molte stagioni.
Ma quello che ci lascia felici è che le foglie che sono cadute continuano a vivere con noi, alimentando 
le nostre 
radici 
con allegria.
Sono ricordi di momenti meravigliosi di quando incrociarono il nostro cammino.
Ti auguro, foglia del mio albero, pace – amore fortuna e prosperità. Oggi e sempre… semplicemente
perché ogni persona che passa nella nostra vita è unica, sempre lascia un poco di sé e prende un poco 
di noi.
Ci saranno quelli che prendono molto, ma non ci sarà chi non lascia niente.
Questa è la maggior responsabilità delle nostra vita e la prova evidente che due anime non si incontrano 
per caso.

 albero amici

 

                                                    Buon fine settimana a tutti

firmaconpennaviola

Pubblicato 4 marzo 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Cos’è la Psicosomatica.   10 comments

La psicosomatica è quella branca della medicina che pone in relazione la mente con il corpo , ossia il mondo emozionale ed affettivo con il soma (il disturbo), occupandosi nello specifico di rilevare e capire l’influenza che l’emozione esercita sul corpo e le sue affezioni.
 
Corpo e mente non sono due mondi separati, ma sono due parti, in continua influenza reciproca, di un tutt’uno: l’uomo nella sua unità somato-psichica.
 In ambito medico è ormai largamente condivisa l’idea che il benessere fisico abbia una sua influenza su sentimenti ed emozioni e che a loro volta questi ultimi abbiano una certa ripercussione sul corpo. Non a caso il vecchio concetto di malattia intesa come effetto di una causa, è stato sostituito con una visione multifattoriale secondo la quale ogni evento (e quindi anche una affezione organica) è conseguente all’intrecciarsi di molti fattori , tra i quali sta assumendo sempre maggior importanza il fattore psicologico. Si ipotizza inoltre che quest’ultimo, a seconda della sua natura, possa agire favorendo l’insorgere di una malattia, o al contrario favorendone la guarigione.
( Dott.ssa E. Maino)

Photobucket

Pubblicato 3 marzo 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Piove…piove…ma quanto piove!!!!   13 comments

please_use_the_link_to_save_your_image Piove1

                            A Rimini sta piovendo ininterrottamente da giorni!!!!Vento pioggia e freddo!!!!!

                          Bastaaaaaaaaaa voglio un po’ di soleeeeeeeeee!!!!!!!!!!!!!solerosso

firmaconcuori

Pubblicato 2 marzo 2011 da Franky Libe in Senza categoria

La leggenda della luna piena   7 comments

 

Una delle tante leggende degli Indiani d’America…che fascino….

 
 
 
 
 

 

 

 

 

 
 

 

 
La leggenda della luna piena

In una calda notte di luglio di tanto tempo fa un lupo,

seduto sulla cima di un monte, ululava a più non posso.

In cielo splendeva una sottile falce di luna

che ogni tanto giocava a nascondersi

dietro soffici trine di nuvole,

o danzava tra esse, armoniosa e lieve.

Gli ululati del lupo erano lunghi, ripetuti, disperati.

In breve arrivarono fino all’argentea regina della notte che,

alquanto infastidita da tutto quel baccano,

gli chiese: – Cos’hai da urlare tanto?

Perché non la smetti almeno per un po’?- –

Ho perso uno dei miei figli,

il lupacchiotto più piccolo della mia cucciolata.

Sono disperato… aiutami! – rispose il lupo.

La luna, allora, cominciò lentamente a gonfiarsi.

E si gonfio, si gonfiò, si gonfiò,

fino a diventare una grossa, luminosissima palla.

– Guarda se riesci ora a ritrovare il tuo lupacchiotto –

disse, dolcemente partecipe, al lupo in pena.

Il piccolo fu trovato, tremante di freddo e di paura,

sull’orlo di un precipizio.

Con un gran balzo il padre afferrò il figlio,

lo strinse forte forte a sé e, felice ed emozionato,

ma non senza aver mille e mille volte ringraziato la luna.

Poi sparì tra il folto della vegetazione.

Per premiare la bontà della luna,

le fate dei boschi le fecero un bellissimo regalo:

ogni trenta giorni può ridiventare tonda,

grossa, luminosa, e i cuccioli del mondo intero,

alzando nella notte gli occhi al cielo,

possono ammirarla in tutto il suo splendore.

I lupi lo sanno…

E ululano festosi alla luna piena.

Photobucket

Pubblicato 1 marzo 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Cerchiamo di ridere un po’ che è meglio……   7 comments

uomochecammina donnanim.

      

Le vere differenze tra un uomo e una donna

Soprannomi

Se Laura, Susanna, Debora e Maria

vanno a cena fuori,

si chiameranno l’un l’altra

Susy, Debby, Laura e Maria.

Se Mario, Luca, Carlo e Giorgio

vanno a cena fuori,

si rivolgeranno affettuosamente

l’un l’altro come ‘

Ciccione’, ‘Testa di c*’, ‘Buffone’, e ‘Godzilla’. Photobucket

A cena fuori

4 Uomini a cena fuori:

anche se il conto è di 80 mila lire,

ognuno tirerà fuori 50 mila lire

e dirà che non ha tagli minori,

e non vorrà il resto.

4 donne a cena fuori:

quando arriva il conto,

compare la calcolatrice.Photobucket

Soldi

Un uomo pagherà 5 mila lire

per un oggetto che ne vale 2 mila,

se lo vuole una donna

pagherà 2 mila lire

per un oggetto che ne vale 5 mila,

che non vuole.Photobucket

Futuro

Una donna si preoccupa del futuro

finche’ non trova un marito.

Un uomo non si preoccupa mai

del futuro finche’ non trova una moglie.Photobucket

Successo

Un uomo di successo è colui

il quale guadagna più di quanto

sua moglie sia in grado di spendere.

Una donna di successo

è quella che trova quest’uomo.Photobucket

Matrimonio

Una donna sposa un uomo

sperando che cambi,

e lui non cambierà.

Un uomo sposa una donna

sperando che non cambi, e lei cambierà.Photobucket

Vestirsi bene

Una donna si veste bene

per fare shopping,

dare acqua alle piante,

buttare la spazzatura,

rispondere al telefono

e prendere la posta.

Un uomo si veste bene

per i matrimoni e per i funerali.Photobucket

Naturalezza

Gli uomini si svegliano

dello stesso aspetto

con il quale sono andati a dormire.

Le donne in qualche modo

si deteriorano durante la notte.Photobucket

Ed ora qualche barzellettina sugli uomini e sulle donne

Lei: “Tu non mi capisci…”.

Lui: “Cosa intendi dire?”. Photobucket

                                    

La moglie al marito –

“Caro… Tu preferisci una donna

bella oppure una intelligente?

” Lui: “Nessuna delle due cara…

Ti amo così come sei!!!!” Photobucket

Due amiche: “Sai, ho un nuovo fidanzato.

Ha il fascino di Franck Sinatra

e l’intelligenza di Einstein”.

“Caspita!

E come si chiama questo fenomeno?”.

“Franckenstein”.Photobucket

Lui e lei sono a letto

la prima notte di nozze:

“Cara, sono veramente il primo uomo

con il quale tu dormi?”

“Si, certo, se ti metti a dormire si!”. Photobucket

Due uomini si scontrano frontalmente

in un centro commerciale.

“Mi scusi!” dice uno.

“Scusi lei”, fa l’altro.

“Ma dove sta andando in modo così affannato?”

“Guardi, sto cercando mia moglie…

” “Non mi dica!

Anch’io sto cercando la mia”.

“Ma pensi, e com’è sua moglie?”

“Beh, mia moglie è alta 1 metro e 75,

capelli rossi a caschetto

con le punte rivolte verso il viso,

due gambe perfette,

un seno florido e alto,

un sedere sodo.

Ma, mi dica, e la sua com’è?”

“Lasci stare…

andiamo a cercare sua moglie!” Photobucket

Credevo di essere un amante eccezionale,

finché

          non scoprii che lei aveva l’asma.Photobucket 

 

 ciaodibamboccini donna rossa

   z47f4ed9c9554d 

 

Pubblicato 28 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Un po’ di informazioni sul mese di MARZO 2011   16 comments

Photobucket                       Photobucket                                     *           TERZO MESE DEL CALENDARIO CIVILE

                                                                                                                                 conta 31 giorni.

                                                                                              *          Nell’ultima Domenica del mese va in vigore 

                                                                                                                                   l’ora  legale.      

                                                                                                                 

                                                                 —   QUESTO  MESE —

                                       

Photobucket                                                                                                                                                              

                                                                                                 —  8 Marzo Giornata Internazionale della Donna.


Photobucket                                                                                                 — Il giorno 8 si conclude il Carnevale.

 

Photobucket                                                                                   — Il giorno 9,Mercoledì delle Ceneri,ha inizio il periodo di Quaresima.

 

Photobucket                                                                                   –Il giorno 12 termina il Carnevale Ambrosiano.

 

Photobucket                                                                                   –Il giorno 21,con l’equinozio di primavera,termina la stagione invernale

                                                                                   –La durata del giorno e quella della notte si equivalgono.

Photobucket                                                        –Il giorno 27 alle ore 2.00 entra in vigore l’Ora Legale:bisogna spostare gli orologi avanti di un’ora.

Photobucket Il nome MARZO deriva dal latino MARTIUS,ossia dedicato a Marte,il dio della guerra che rappresenta la forza capace di affrontare e superare le difficoltà,come i germogli che,ormai forti,rompono la terra per affacciarsi alla vita,ma Marte era anche il dio che proteggeva la casa,i suoi abitanti e la loro terra.
Photobucket

Pubblicato 27 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

E un’altra settimana volge al termine…..   6 comments

Photobucket

Pubblicato 26 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Piccola grande metafora   7 comments

 

 
 
 
 

 

 

 

“Il peso sulle spalle”

 

“Due monaci zen stanno camminando

verso il loro monastero

in una strada fangosa e piena di pozzanghere,

quando incontrano una giovane donna

che chiede aiuto per attraversare

senza bagnarsi.

Il monaco più giovane la prende in braccio,

attraversano la strada

e arrivati dall’altra parte,

la mette giù e la saluta.

I due monaci proseguono il cammino

in silenzio.

Arrivati a destinazione il monaco

più anziano dice al giovane:”

Non avresti dovuto prendere in braccio

quella donna,

i monaci non devono toccare le donne.”

E il giovane risponde:

“Io l’ho fatta scendere subito,

tu l’hai ancora con te.”

 

By Franky

 

Photobucket

Pubblicato 24 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Non è retorica…   5 comments

FrankygraphicSpesso delle ” cose ” che abbiamo non ci accorgiamo nemmeno finchè non le abbiamo perse…Photobucket

Pubblicato 24 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Per i miei amici blogger di tutte le città d’Italia e oltre…….   17 comments

Photobucket

Care amiche e cari amici,sento il desiderio di esprimere un mio pensiero che vi riguarda….
Ho “traslocato” circa 3 mesi fa da Windows Live…ricordo che l’impatto iniziale,guardando il mio blog su WordPress,è stato abbastanza traumatico…poi, un poco alla volta, sono entrata nel giusto meccanismo e sono riuscita a ricreare il mio spazio.
All’inizio mi sentivo sola perchè non avevo più i vecchi amici di Windows Live e neppure sapevo come recuperarli,poi alcuni vecchi amici li ho ritrovati e la cosa ancora più bella è che ne ho trovati tanti nuovi!!!
Tutti noi sappiamo quanto siano importanti gli amici fedeli che ogni tanto vengono a farci visita e a lasciarci un commento o un salutino….
I nostri blog sarebbero pagine morte senza di loro ed io voglio ringraziare tutti coloro che vengono a trovarmi perchè ogni volta che vi trovo è x me fonte di grande piacere!!!
Dunque,cari amici vecchi e nuovi un grazie di cuore!!!
L’unico neo è che purtroppo non sempre riesco a curare tutti:vorrei tanto essere presente con tutti in eguale misura ma cause contingenti spesso me lo impediscono!
E’ soprattutto x questo che sto scrivendo…proprio perchè ora siete aumentati di numero carissimi amici ed io vorrei sempre esservi vicino…
Concludendo vi ringrazio tanto x la vostra presenza e soprattutto sappiate che se dovessi mancare qualche volta non dipende dalla mia volontà,ma siate certi che nel mio pensiero ci siete sempre!
                                                                                                                              V.V.B.Franky.
Photobucket

Pubblicato 21 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Buon fine settimana a tutti gli amici!   14 comments

                         Un affettuoso cumulativo augurio di un buon fine settimana

                                                      all’insegna del relax0023 ….

          Ciao a tutti ,amici cari!

           Franky

buon relax

Pubblicato 18 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Una stupenda poesia scritta da N.Zebachetti che gentilmente mi ha concesso di pubblicare.   6 comments

ho tolto  luce

 ai miei occhi

ho tolto il sangue al mio cuore

le parole alla bocca

non percepisco odori

 non odo più il vento

un esile filo

lega ancora il tormentato passato

 un pianto di spine scivola sul mio volto

 bacio la solitudine

 accarezzo la tristezza

 sono polvere di un amore terso

 frantumato nel muro del nulla

sconfitto lento

svanisco

Pubblicato 18 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Aforisma di H.Hesse   7 comments

Le lacrime sono lo sciogliersi del ghiaccio dell’anima

Pubblicato 18 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

La storia della farfalla e del fiore   5 comments

                                                                                                        UNA VOLTA UN UOMO CHIESE A DIO
                                                                                                               UNA FARFALLA ED UN FIORE

 

 

PERO’ DIO

GLI DIEDE UN BRUCO ED UN CACTUS

L’UOMO SI RATTRISTO’ POICHE’ NoN CAPI’

PERCHE’ NON ERA QUELLO CHE AVEVA CHIESTO

(FORSE DIO SI ERA SBAGLIATO?)

POI PENSO’:'”CON TANTA GENTE CHE HA DA SEGUIRE..”

E DECISE DI NON DISCUTERE.

DOPO UN PO’ DI TEMPO,ANDO’ A VEDERE

QUELLO CHE AVEVA CHIESTO

E CHE FINORA AVEVA ABBANDONATO.

CON GRANDE SORPRESA

SCOPRI CHE L’ ORRIBILE BRUCO

SI ERA TRASFORMATO

IN FARFALLA

E DALLO SPINOSO E BRUTTO CACTUS

ERA NATO IL PIU BELLO DEI FIORI

DIO FA SEMPRE IL GIUSTO

LE SUE VIE SONO MIGLIORI,

ANCHE SE AI NOSTRI OCCHI

SEMBRA TUTTO SBAGLIATO.

SE HAI CHIESTO A DIO UNA COSA

E NE HAI RICEVUTA UN ALTRA

FIDATI.

PUOI ESSERE SICURO CHE LUI

TI DARA SEMPRE CIO’ DI CUI

HAI BISOGNO NEL MOMENTO

GIUSTO PER TE.

LUI NON SBAGLIA MAI

NELLA CONSEGNA DELLE RICHIESTE

VAI AVANTI SENZA DUBITARE

NE’ MORMORARE.

LA SPINA DI OGGI

SARA’ IL FIORE DI DOMANI .

Photobucket

Pubblicato 16 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Aforisma   6 comments

Non sempre chi sorride e’ felice!

Ci sono lacrime nel cuore che non arrivano agli occhi.

(¯`°¤•.¸franky¸.•¤°´¯)

Pubblicato 15 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Un po’ di archeologia   3 comments

vi consiglio di cliccare su-“View All Images”- x ammirarle meglio!

 Il passato ritorna….a Rimini

Alcune immagini della Domus del chirurgo;la bella domus romana che è rimasta

sepolta nei secoli e che ora,portata alla luce,ci testimonia l’antico splendore della sua architettura,

 della pavimentazione,dei suoi decori,sculture ecc….

Molto interessanti da vedere anche “gli strumenti “del padrone di casa,un medico di grande esperienza ed abilità:

numerosi sono infatti gli strumenti  chirurgici rinvenuti nella domus oltre a vari pezzi di vasellame di cui alcuni ben conservati.

Per chi ama l’archeologia come me,vi assicuro che vale la pena andare a visitare questo sito,di cui

sono personalmente orgogliosa come cittadina riminese.

                                                                                                                                             Franky

Pubblicato 14 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Buon compleanno ITALIA   10 comments

                                                    L’inno di Mameli: Un po’ di storia

                                                      La poesia Fratelli d’Italia, messa in musica, fu ai tempi delle guerre per l’indipendenza
                                                     d’Italia una delle canzoni più in voga fra i combattenti.
                                                     Con la proclamazione della Repubblica (1946)
                                                      la composizione di Mameli , con alcuni tagli , diviene Inno ufficiale.

                                                      Dobbiamo alla città di Genova Il Canto degli Italiani, meglio conosciuto come Inno di Mameli.
                                                      Scritto nell’autunno del 1847 dall’allora ventenne studente e patriota Goffredo Mameli,
                                                      musicato poco dopo a Torino da un altro genovese, Michele Novaro,
                                                      il Canto degli Italiani nacque in quel clima di fervore patriottico che già preludeva alla guerra contro l’Austria.
                                                      L’immediatezza dei versi e l’impeto della melodia ne fecero il più amato canto dell’unificazione,
                                                      non solo durante la stagione risorgimentale, ma anche nei decenni successivi.
                                                      Non a caso Giuseppe Verdi, nel suo Inno delle Nazioni del 1862,
                                                      affidò proprio al Canto degli Italiani
                                                      – e non alla Marcia Reale – il compito di simboleggiare la nostra Patria,
                                                      ponendolo accanto a God Save the Queen e alla Marsigliese.
                                                      Fu quasi naturale, dunque, che il 12 ottobre 1946
                                                      l’Inno di Mameli divenisse l’inno nazionale della Repubblica Italiana. PhotobucketPhotobucketPhotobucketPhotobucket

Pubblicato 12 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Buon San Valentino a tutti coloro che si amano!   9 comments

     Photobucket                                                 Origine della leggenda di San Valentino

Il tentativo della Chiesa cattolica di porre termine ad un popolare rito pagano per la  fertilità, è all’origine di questa festa degli innamorati.

Fin dal quarto secolo A. C. i romani pagani rendevano omaggio, con un singolare rito annuale, al dio Lupercus. I nomi delle donne e degli uomini che adoravano questo Dio venivano messi in un’urna  e opportunamente mescolati. Quindi un bambino sceglieva a caso alcune coppie che per un intero anno avrebbero vissuto in intimità affinché il rito della fertilità fosse concluso. L’anno successivo sarebbe poi ricominciato nuovamente con altre coppie.

Determinati a metter fine a questa primordiale vecchia pratica, i padri precursori della Chiesa hanno cercato un santo “degli innamorati per sostituire il deleterio Lupercus. Così trovarono un candidato probabile in Valentino, un vescovo che era stato  martirizzato circa duecento anni prima.
Photobucket

                                                               BUON SAN VALENTINO

                                                                            da Franky

Pubblicato 12 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Il mondo è un posto meraviglioso…   6 comments

 

 

  

 

Avete mai pensato

al miracolo di un seme

che cade in terra?

Il piccolo seme, indifeso,

viene bagnato dall’acqua piovana

e si nutre dal terreno circostante

facendo nascere in poco tempo

un nuovo ramoscello.

Il piccolo ramoscello darà poi

la vita ad una notevole varietà

di frutti o altre piante

che nutriranno alcune specie di animali

(noi uomini compresi)

e produrranno altri semi

che cadranno in terra e che…

Sembra tutto calcolato

al millessimo di secondo

seguendo leggi che nessuno, se non Dio,

sembra aver potuto scrivere.

Il sole sorge sempre a est

e tramonta sempre a ovest,

portando con se l’evolversi

della giornata e insieme

alla rotazione della terra

l’alternarsi delle stagioni.
  
 Franky

Photobucket

 

 

Pubblicato 10 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

X le mie amiche "femmine"-chiedo scusa ai maschietti…eheheheh…   7 comments

L.I.bocca

Pubblicato 9 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Andiamoci cauti…..   4 comments

Basta con le notizie catastrofiche!!!

 
Photobucket Negli ultimi tempi una serie di scritti e trasmissioni tv

hanno iniziato a fornire elementi

su una possibile fine del mondo nell’anno 2012….

Penso che bisognerebbe “andarci cauti”

con queste notizie,

sì perchè anche se molti ci scherzano sopra,

ci sono comunque persone particolarmente fragili

per le quali potrebbe essere alquanto dannoso

accumulare questo tipo di ansia sociale….

ne convenite ???

Ciao a tutti

Franky

Pubblicato 9 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

Quanto vorrei riuscirci……   7 comments

rilassamento

"Non riesco a rilassarmi"

Sdraiarsi sul divano a guardare la tv, fare una piccola siesta, gustare “il dolce far niente”…

Piaceri della vita che non tutti riescono a concedersi. Perché? E come imparare a staccare la spina?

3 esercizi per sfuggire ai pensieri nocivi:

Primo esercizio


Riuscite a pensare senza pensare? Non è un gioco di parole, ma una realtà della nostra mente.

Molte delle difficoltà incontrate da chi inizia una pratica di meditazione,

 
è proprio quella di evitare di svuotare la mente o, meglio, non soffermarsi sul chiacchiericcio della

mente

.
La mente non cessa spontaneamente di generare pensieri. E in questo zampillio continuo di pensieri,

vengono a galla pure le trappole che la nostra mente produce per incastrarci.

Un modo efficace per riuscire a comprenderne i meccanismi è quello di sedersi almeno un quarto d’ora

al giorno,

in un luogo possibilmente tranquillo, e osservare semplicemente lo scorrere dei nostri pensieri

.
Come se si guardasse un film. Senza soffermarci, giudicare o nutrire alcuno dei pensieri che scorrono

.
—Non sono mai riuscita a "pensare senza pensare" !!!—

Secondo esercizio

"Devo preparare le valigie!". In una frase come questa è contenuta una delle trappole mentali più

comuni:

l’anticipazione. Invece di essere completamente assorbiti, presi e concentrati in quanto stiamo facendo,

pensiamo a quanto dovremo fare più in là. Magari angosciandoci per quando lo dovremo fare

.
E non vivendo mai in pieno il momento presente

.
I saggi e i filosofi affermano, giustamente, che l’universo non ci chiede mai più di una cosa per volta.

 
Invece ci facciamo prendere dal "multitasking", dal voler fare o pensare più cose contemporaneamente.

Complicandoci la vita, anziché semplificarla. —Purtroppo cado spesso o quasi sempre in questa

"trappola"—

Terzo esercizio

"Ho sbagliato tutto!". Ecco un bel "trappolone" mentale che ci può cogliere nelle occasioni più svariate.

Una critica che viene rivolta al nostro lavoro.

Una considerazione sulla nostra storia d’amore

.
Una serata a cui siamo stati invitati. Se ci caschiamo, la trappola della "persistenza" di questo

pensiero e l’altra,

della "revisione" di quanto avremmo dovuto fare, ci condurranno in un labirinto di pensieri negativi

per ore

o, a volte, per giorni. Ne siamo consapevoli?  — Purtroppo mi capita spesso!!!!!—

                                                                         Franky

Pubblicato 8 febbraio 2011 da Franky Libe in Senza categoria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: