Appunti di psicologia   6 comments


fantasia

  Il valore della fantasia

L’immaginazione creativa si svolge in modo conforme ai nostri desideri, sentimenti, interessi, tendenze ecc.

Un cieco-nato non potrà mai essere un pittore, né un nato-sordo un musicista. D’altra parte appartiene alla

  comune esperienza (anche di un cieco-nato) fare progetti, azzardare previsioni, anticipare delle situazioni, ecc

. Ciò significa che la fantasia investe la vita psichica di ogni persona. Si tratta di un lavorìo a volte cosciente,

a volte no.

L’attività fantastica è una valvola di sicurezza al dinamismo interiore, un processo di liberazione dalle più

profonde aspirazioni (ciò ad es. si verifica nel fantasticare che precede il sonno e nello stesso sogno).

L’immaginazione creativa costruisce ideali e rinforza le speranze, elimina i timori, ma può anche far

sognare ad occhi aperti, cioè astrarre dalla realtà, portando ad una deformazione delle cose (nel senso

dell’eccessivo ottimismo o del radicale pessimismo).

E’ nel campo dell’arte che la fantasia domina incontrastata: sia nelle arti plastiche (pittura, scultura e

architettura) che in poesia, letteratura e soprattutto musica. Nelle costruzioni logiche dei filosofi e nelle

ricerche degli scienziati, la fantasia si trasforma in ipotesi, teorie, interpretazioni, analogie… (ad es. Newton

ha collegato la caduta di una mela dall’albero col movimento dei pianeti). Ogni conquista scientifica,

scoperta o invenzione, è sempre il frutto di un’ardita ipotesi costruita dall’immagine creativa e confermata

dall’esperienza.

firmaconpennaviola

Pubblicato 31 marzo 2011 da Franky Libe in Senza categoria

6 risposte a “Appunti di psicologia

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. eccomiii 😉
    è tutto giusto ciò che scrivi,praticamente è come l’avessi scritto io,è bello questo modo di comunicare perchè senza volerlo siamo vicini benchè lontani,anche se mi son preso del biricchino ahaha un abbraccio te lo darei volentieri
    Buon fine settimana con un bacio sulla fronte per te
    Massimo

  2. …io vivo di sogni e fantasia concordo con le altre risposte…senza loro non vivremo…abbraccio cara amica.

  3. guai se la fantasia,l’immaginazione,i sogni, ci abbandonassero.a qualunque età.ciao.

  4. bella, wow

  5. fantasticare è un’attività cerebrale liberatoria, per il poeta è un momento di grande piacere creativo, in cui l’espressione letterale va oltre il significato comune, apre spazi inaccessibili ai più dove viaggiare emozionando ed emozionandosi.quando si finisce di fantasticare si è perso il senso e il piacere della vita. un abbraccio, Maria.

  6. La fantasia è come i sogni, solo che la prima viene esercitata a livello cosciente, mentre i secondi queando non si è in stato di veglia.
    Rappresentano entrambi una valvola di sfogo per evadere, necessaria e ai quali spesso ci si abbandona molto volentieri.
    Ti auguro una serena notte, con amicizia, Vito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: